FINE RARE BOOKS, ATLASES AND DRAWINGS – 10 FEBRUARY 2021

The next BadoeMart auction will consist of a first part of important books and a second part of drawings and prints. Below we will present some lots that deserve special attention…

FRAGONARD, Jean-Honoré. (1732-1806). Prospect… Frascati. Disegno

Foglio di mm. 371×266. Acquarello in diverse tonalità di seppia. Annotazione manoscritta coeva in francese al piede. Due timbri di collezione: Collezione Ludwig Pollak, Lugt 788b; Collezione Wolfhart F. Bürgi, timbro stampigliato in rosso, Lugt 3400. Altro acquarello che raffigura un monumentale giardino, con differente colorazione, al verso. Ottimo stato di conservazione.

Splendido acquarello che coglie la vibrante atmosfera primaverile del giardino di Villa Aldobrandini a  Frascati. In questa magistrale composizione, Fragonard utilizza la sanguigna in modo da esaltare la distribuzione della luce e per creare un effetto di dinamismo che suggerisce lo stormire delle fonde e delle foglie. Grazie all’uso sapiente della superfice bianca del foglio, riesce a conferire spazio, profondità e leggerezza alla veduta. Il foglio ha fatto parte di due prestigiose collezioni. Riferendosi alla collezione Bürgi, Lugt nota: “Jean-Pierre Haldi nous informe que Wolfhart Bürgi apposait sa « marque en rouge uniquement sur les dessins importants, réservant celles en bleu ou noir aux dessins de qualité courant. » Lo stile e la tecnica di esecuzione richiamano esplicitamente la maniera del pittore francese: i suoi dipinti, infatti, sono caratterizzati da un particolare uso della luce e dalla rarefazione di determinate parti, utilizzata come espediente per rendere la leggerezza di alcuni elementi. Fragonard nel 1756 partì per l’Académie de France a Roma assieme al suo amico Hubert Robert, anche lui vincitore del Prix de Rome. Nella capitale, i giardini ispirarono a Fragonard alcune delle visioni che sarebbero poi divenute ricorrenti in tutte le sue opere: templi, giardini pensili, grotte, statue e fontane divennero teatro delle sue frivole scene di vita, profondamente influenzate dallo studio delle opere di Giovanni Battista Tiepolo a Venezia. Lavorò anche molto con l’amico Robert, tanto che la loro collaborazione fu oggetto di una mostra a Villa Medici. Fragonard si trattenne a Roma per cinque anni, sino all’aprile del 1761. Durante il suo soggiorno italiano Fragonard, seguendo il consiglio di Boucher, non “prese sul serio” Michelangelo e Raffaello, ma si lasciò sedurre dal fascino facile dei pittori barocchi, dai Carracci, da Pietro da Cortona e dal Tiepolo.

Al verso un altrettanto notevole acquarello, in cui è rappresentata una maestosa visione d’insieme dell’ imponente giardino all’italiana di Villa Aldobrandini a Frascati .

Provenienza: Collezione Ludwig Pollak, Lugt 788b; Collezione Wolfhart F. Bürgi, timbro stampigliato in rosso, Lugt 3400.

A. Ananoff, L’Oeuvre dessiné de Jean-Honoré Fragonard, Paris 1963, P. Rosenberg, Fragonard, exhib. cat., Paris, Grand Palais, New York, Metropolitan Museum of Art, 1987-88.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...